This website is available in your language $languageName   EN Close

Solidarité Ukraine, nous accompagnons vos dons.  En savoir plus

Ethereum:

la guida completa

 

Ethereum è la seconda blockchain pubblica in termini di valore e la prima in termini di utilizzo. Come il bitcoin, Ethereum opera su una cosiddetta blockchain pubblica: una rete globale distribuita, non censurata, aperta a tutti e senza alcuna autorità centrale.

La differenza fondamentale con il bitcoin è che Ethereum permette di creare applicazioni che vengono eseguite e memorizzate sulla blockchain stessa, che è all’origine, tra l’altro, della finanza decentralizzata (DeFi). Tecnicamente parlando, Ethereum non è una criptovaluta. In questa guida troverete tutto quello che c’è da sapere su Ethereum: definizione, origine, funzionamento, prospettive…

1. La nascita di Ethereum

Ethereum è stato introdotto nel 2013 con un documento, il “libro bianco” (“White Paper”), che proponeva un’evoluzione del protocollo bitcoin. Questo testo è stato scritto da Vitalik Buterin, un giovane programmatore di bitcoin e co-fondatore della rivista Bitcoin. L’idea ha rapidamente attirato l’interesse di altri appassionati di criptovalute dell’epoca, che si sono uniti al progetto. Per citarne alcuni: Anthony Di Iorio, Charles Hoskinson, Joseph Lubin e Gavin Wood. Questi sono oggi considerati i co-fondatori di Ethereum. Il team di sviluppo del bitcoin non adotta la proposta, così i fondatori decidono di creare la propria blockchain.

 

Per realizzare il suo progetto, Vitalik Buterin avvia una campagna di finanziamento partecipativo. Dal 2 settembre 2014 si svolge una raccolta fondi in bitcoin per finanziare gli sviluppi necessari al lancio della rete. La prevendita dei primi token Ether (ETH) consente a Buterin di raccogliere 18,3 milioni di dollari. Equivalgono a 30.000 ETH. Conquistati dagli obiettivi del progetto, vengono coinvolti dei programmatori e viene rilasciata la prima versione della blockchain Ethereum il 30 luglio 2015 con il nome di “Frontier”. Il prezzo degli Ether inizia a salire nel 2016. La criptovaluta è un vero e proprio successo, arrivando a competere con il bitcoin. Tuttavia, bisognerà attendere il 2017 per vedere la sua introduzione nelle piattaforme di trading. Il tasso di cambio salirà poi a oltre 400 dollari (nel 2015 si attestava a 1 dollaro soltanto). Oggi il numero di ETH in circolazione è stimato a oltre 110 milioni.

È ora possibile acquistare e vendere Ethereum, ma anche estrarli senza particolari restrizioni. Basta scaricare un software di estrazione (ad esempio, Ethermine). È però necessario un computer potente, come per il mining di qualsiasi criptovaluta. Un altro elemento da tenere in considerazione è la forte concorrenza nel settore del mining di Ethereum. I miner sono molti, ma soprattutto alcuni di loro beneficiano di importanti vantaggi competitivi, come una scheda grafica ultrapotente, costi di elettricità più accessibili, tasse più basse… Per questo alcuni miner si riuniscono nelle “mining pool” per aumentare la rendita del loro lavoro mettendo in comune le attrezzature. Per saperne di più, consulta la nostra guida: Come minare Ethereum. Scoprirai come si estraggono gli Ethereum, le domande da porsi prima di iniziare e gli elementi da tenere in considerazione.

2. Ether ed Ethereum: due cose diverse

L’Ether è la criptovaluta di Ethereum. È infatti Ether, rappresentato dal simbolo ETH, a fungere da valuta di scambio sulla rete Ethereum. Gli Ether vengono scambiati sui mercati e il prezzo è stabilito dalla domanda e dall’offerta. L’ETH può quindi essere utilizzato per il trading, il mining o la semplice archiviazione in un portafoglio.

L’Ether presenta diverse caratteristiche peculiari. La più importante da ricordare è che la sua emissione monetaria annuale è fissa e relativamente bassa.

Ciò significa che ogni anno vengono creati pochissimi nuovi Ether. Si tratta quindi di un bene raro, ma a differenza del bitcoin, con i suoi 21 milioni di unità, non esiste un limite massimo assoluto.

Investire in Ether significa quindi scommettere sullo sviluppo dell’ecosistema Ethereum, che è già la seconda maggiore capitalizzazione di mercato e la fonte della creazione di numerosi progetti e applicazioni costruiti sulla sua rete.

Le cours de l'Ethereum

3. Ethereum: come funziona

L’Ether è una moneta virtuale accessibile a tutti e creata attraverso il mining. Per funzionare, Ethereum è una rete che richiede Ether. La blockchain di Ethereum è utilizzata per memorizzare la cronologia delle transazioni effettuate sulla rete. È anche in grado di memorizzare codici informatici. Ethereum è una tecnologia simile a una banca con un sistema di conti. La rete registra tutte le informazioni relative a questi conti. I token Ether vengono inseriti in un wallet. Ogni nodo della rete Ethereum possiede una copia della cronologia delle transazioni. Se un utente esegue un’azione, come l’invio di Ether, migliaia di computer elaborano questa richiesta simultaneamente. La transazione viene convalidata solo se tutti i nodi della rete accettano la richiesta. La sicurezza è così garantita. La responsabilità è condivisa tra miner e nodi, e non è invece assunta da un istituto bancario. I miner assicurano che le transazioni avvengano senza problemi.

L’Ether finanzia le risorse di calcolo necessarie per l’esecuzione delle applicazioni. Il funzionamento è relativamente semplice. Ad esempio, un utente di Ethereum vuole inviare una determinata quantità di Ether a una persona. Non vuole effettuare la transazione immediatamente ma in un momento successivo. Crea quindi uno smart contract (spiegheremo meglio questo concetto più avanti in questo articolo). Il versamento di Ether è quindi soggetto a una condizione precisa: una data specifica scelta dall’utente. Quando finalmente arriva questa data, il contratto viene eseguito e la persona riceve automaticamente la quantità di Ether concordata. Questo processo è reso possibile da Ethereum. I calcoli vengono eseguiti direttamente sulla rete: non è quindi necessario che un’entità memorizzi o controlli i dati. La procedura, una volta definita, viene eseguita automaticamente. I tempi di attesa si riducono. In questo modo si eliminano anche i costi associati all’esecuzione manuale.

Questo è un esempio semplice, ma può essere applicato a configurazioni molto più complesse. Ethereum, grazie alla sua flessibilità, offre possibilità estremamente vaste, per non dire illimitate. Per questo, si vedono sviluppare progetti in ambiti quali assicurazioni, finanza, immobiliare, divertimento… Vuoi comprare Ethereum? Leggi questo articolo per scoprire come procedere e per ricevere dei consigli su come investire.

4. Ethereum e la nozione fondamentale di “smart contract”

La differenza fondamentale tra Ethereum e bitcoin è che Ethereum può eseguire le cosiddette “transazioni condizionate”. Ad esempio, è possibile creare una transazione di pagamento che verrà eseguita solo se è stata effettuata un’altra transazione o se il prezzo di un asset ha superato un determinato livello.

Questi meccanismi di transazione sottoposta a condizione vengono solitamente definiti “smart contracts”. 

La traduzione letterale dall’inglese di “contratti intelligenti” non è la più adatta per capire di cosa si tratta. Gli “smart contracts” sono programmi che puntano ad automatizzare una o più azioni quando vengono soddisfatte le condizioni preliminari definite dal creatore del programma.

Consideriamo ad esempio un sistema di aste. È possibile creare uno smart contract che riceve le offerte per un particolare oggetto in vendita, che sia in grado di determinare l’offerta più alta e restituire le offerte più basse alla fine di un periodo stabilito, e così via.

Naturalmente, questo tipo di programma può essere creato su un computer tradizionale con siti web come eBay. Tuttavia, gli smart contracts presentano una serie di caratteristiche vantaggiose:

  • sono autonomi: non è necessario occuparsi del loro hosting perché sono archiviati direttamente sulla blockchain;
  • possono memorizzare fondi in Ether, ma anche qualsiasi tipo di dati;
  • sono immutabili: non possono essere hackerati e sono disponibili 24 ore al giorno;
  • sono trasparenti: chiunque può verificare il loro funzionamento;
  • sono interoperabili: gli smart contracts possono facilmente interagire tra loro.

Gli smart contracts, però, presentano anche una serie di svantaggi:

  • come ogni software, possono presentare dei bug che potrebbero essere sfruttati dagli hacker;
  • una volta memorizzati sulla blockchain, non possono essere modificati;
  • ogni interazione con uno smart contract richiede il pagamento di una commissione, il che, a lungo andare, può rivelarsi molto costoso.

5. Comprendere la nozione di “Gas”:

il carburante della rete Ethereum

Sulla rete bitcoin, il costo di una transazione dipende da due fattori: la saturazione della rete in un determinato momento e la dimensione della transazione in numero di caratteri.

Su Ethereum, il costo di ogni transazione dipende sì dalla saturazione della rete, ma viene anche introdotto un nuovo fattore: la complessità informatica necessaria per eseguire la transazione. Una transazione semplice che invia Ether da un utente a un altro avrà un costo basso. Uno smart contract più avanzato che attiva calcoli complessi avrà un costo elevato.

Questo costo, chiamato Gas (che dall’inglese si tradurrebbe in “benzina”, ricordando il funzionamento di una macchina), deve essere pagato dall’emittente di ogni transazione in Ether.

Va ricordato che ogni esecuzione di smart contract viene ricalcolata su ciascuna macchina che compone la blockchain di Ethereum, che ha quindi un impatto sull’intera rete. Di conseguenza, su Ethereum non è pensabile effettuare calcoli complicati relativi a videogiochi o all’intelligenza artificiale, almeno non prima di qualche anno.

6. Ethereum: capire la tokenizzazione

Le possibilità che la rete Ethereum offre agli sviluppatori sono molte. Chiunque può sviluppare applicazioni su Ethereum. L’unico prerequisito è saper codificare in “Solidity”, il linguaggio di programmazione della rete.

Una delle prime funzioni utilizzate è la “tokenizzazione”, ovvero la creazione di nuove criptovalute. Sono chiamati “token”, traducibile con “gettone digitale”, emessi attraverso e ospitati sulla blockchain di Ethereum. I token possono essere detenuti, quantificati e scambiati digitalmente tra due persone.

Prima dello sviluppo di Ethereum, la creazione di un nuovo asset crittografico era estremamente complicata: bisognava creare una blockchain, una rete di mining, dei wallet, una gestione economica del sistema e, soprattutto, riuscire a creare domanda e adozione.

Con Ethereum, la creazione di un nuovo crypto-asset equivale alla generazione di uno smart contract e alla sua pubblicazione, e può richiedere anche pochi minuti.

Il nuovo asset è immediatamente scambiabile, è protetto dalla rete ed è interoperabile con l’intero ecosistema Ethereum. I creatori si semplificano la vita e utilizzano l’infrastruttura esistente più o meno gratuitamente.

L’importanza del tipo di token ERC20

La creazione di un nuovo token sulla blockchain di Ethereum avviene seguendo determinati standard imposti dalla rete. Il più popolare di questi standard è chiamato “ERC20”. Ogni token ERC20 è gestito da uno smart contract che presenta un elenco di funzioni di base, come creare nuove unità, dividerle in frazioni, distruggerle, trasferirle verso un altro portafoglio, eccetera.

Esistono diversi standard per i token. Torneremo su questo argomento in modo più dettagliato in questo articolo. Mentre molti token rappresentano solo il proprio valore, altri possono ora rappresentare prodotti finanziari tradizionali o oggetti del mondo reale.

7. Il 2017 e la mania delle ICO

I token di cui abbiamo parlato sono legati alla distribuzione di un nuovo servizio o applicazione all’interno della blockchain di Ethereum.

Il token in questione può essere utilizzato come valuta di scambio, ma può anche rappresentare una quota di un progetto, simile a un’azione. In quest’ultimo caso, potrebbe anche conferire il diritto di decisione sotto forma di voto.

Che cos’è una ICO (Initial Coin Offering)?

L’uso principale dei token è quello di lanciare una raccolta dei fondi necessari per vari progetti, un’operazione nota come ICO (Initial Coin Offering). È l’equivalente di un’offerta pubblica iniziale nel mondo delle criptovalute.

Grazie agli smart contract di Ethereum, quasi tutti i progetti di criptovaluta in cerca di finanziamenti nel 2017 hanno effettuato una ICO, stabilendo condizioni specifiche, come l’importo minimo di fondi da raccogliere, l’importo massimo di fondi che potevano essere raccolti, eccetera. Una volta completato il processo, i token sono stati inviati agli investitori.

Esempio: Augur, una piattaforma di mercato predittivo, è stato il primo progetto costruito sulla blockchain di Ethereum a raccogliere fondi tramite una ICO; era il 2015. Questo ha permesso al progetto di raccogliere 5 milioni di dollari in Ether vendendo ciascuno dei loro token a 0,6 dollari.

La moda delle ICO è ormai ampiamente passata, con numerosi progetti che non hanno mantenuto le promesse iniziali.

9. Le nuove tendenze: i gettoni non fungibili (NFT)

Come abbiamo visto, la blockchain di Ethereum consente di emettere diversi standard di token. Uno di questi standard ha visto un’accelerazione della sua adozione nel 2021: lo standard ERC721 per i token detti “non fungibili” (dall’inglese non-fungible tokens, NFT). L’Ether è una criptovaluta, al contrario degli NFT, anche se si tratta di due concetti non dissimili. Proprio come una criptovaluta, gli NFT possono essere trasferiti da un portafoglio a un altro. Sono inoltre memorizzati sulla blockchain. Tuttavia, gli NFT sono detti “non fungibili” in quanto è impossibile sostituire un NFT con un altro. Ogni token è unico, cosa che non accade con le criptovalute come l’Ether o il bitcoin.

Dal 2021 si parla molto di NFT. La particolarità di questi token è la loro unicità (o almeno, la loro natura strettamente limitata e numerata). Sono impossibili da contraffare e aprono nuove possibilità, in particolare per dimostrare l’autenticità di un brano musicale o di un’opera digitale grazie alla blockchain. Un NFT può contenere vari metadati, ad esempio una firma o una data di creazione.

10. Che futuro si prospetta per Ethereum?

Sul mercato, il valore di Ethereum è rappresentato dal prezzo dell’Ether che, come il bitcoin, è determinato dalla domanda e dall’offerta. L’Ether è anche quotato su molte piattaforme di scambio. Il suo prezzo è influenzato dalle notizie relative al suo ecosistema, ma anche dalla speculazione, come per qualsiasi altro asset finanziario.

Ethereum è diventato una piattaforma fondamentale nell’ecosistema delle criptovalute. Quasi ogni giorno vengono creati nuovi progetti sulla sua blockchain. Sebbene nel 2021 la rete non sia esente da critiche, soprattutto per quanto riguarda le commissioni di transazione, gli sviluppi sono numerosi, i miglioramenti sono in corso e il prezzo dell’Ether dovrebbe prima o poi riflettere questa evoluzione.

Attenzione, però: se investire in Ether a medio o lungo termine può essere una scelta saggia, non bisogna trascurare la sua elevata volatilità, perché il valore di questa criptovaluta può salire o scendere bruscamente nel giro di pochi giorni. Come nel caso del bitcoin, l’acquisto o la vendita di Ethereum sono rischiosi e bisogna dimostrare molto sangue freddo.

Ad esempio, all’inizio del 2018 il prezzo dell’Ether ha segnato un record attestandosi a 1100 euro, per poi subire una forte diminuzione pari quasi al 90%. Nel dicembre 2018, il prezzo era sceso a 75 euro. Dall’estate del 2020 è tornata una forte tendenza al rialzo, con un tasso di cambio che, in un anno, ha guadagnato il 1200% circa, attestandosi a quasi 1500 euro.

Ethereum si spinge quindi oltre il bitcoin e consente alternative di crescente interesse anche per il mondo delle imprese, con proposte valide, flessibili e adattate. Il progetto ruota anche intorno all’intera cornice delle applicazioni di finanza decentralizzata (DeFi) e dei token non fungibili (NFT).

Oggi esiste un’alleanza tra aziende Ethereum, tra cui spiccano nomi come Microsoft, Samsung e Intel, che sta cercando di testare e sviluppare la tecnologia: l’ecosistema Ethereum è ancora in piena evoluzione e gli sviluppi in campo informatico sono molti. Lo consideriamo un progetto irrinunciabile nel mondo degli asset digitali.