Solidarité Ukraine, nous accompagnons vos dons.  En savoir plus

Seleziona una pagina

Cosa è Bitcoin?

Bitcoin è un sistema finanziario alternativo che si basa su un codice informatico e sulla crittografia, senza un’autorità centrale, aperto a tutti 24 ore su 24, trasparente e resistente alla censura.

É stato inizialmente creato come una rete di pagamento alternativa, e adesso viene utilizzato principalmente come bene di investimento e riserva di valore.

DECRIPTARE BITCOIN: il video.

L’essenziale per investire in tutta tranquillità

1. Un concetto rivoluzionario: la blockchain

Il funzionamento di Bitcoin si basa su un protocollo: la blockchain. È un registro digitalizzato in cui sono elencate tutte le transazioni. I bitcoin circolano su questa rete, quindi è esclusivamente digitale.
Questa rete è ben distribuita e immutabile, dunque nessun dato registrato sulla blockchain può essere modificato o cancellato.
Non esiste un organismo centrale che controlli il funzionamento: i dati vengono replicati su decine di migliaia di computer in tutto il mondo, e chiunque può entrare nella rete e suggerire modifiche. Da queste caratteristiche deriva la fiducia nell’uso di Bitcoin.

Blockchain Bitcoin

2. Bitcoin, una creazione in risposta
alla crisi finanziaria del 2008

Réponse à la crise financière bitcoin

Il mistero intorno al creatore di Bitcoin: conosciamo al massimo un soprannome, Satoshi Nakamoto. Potrebbe essere una persona o un gruppo di persone, non si sa con certezza.

Alcuni studiosi sostengono che Bitcoin sia stato creato come rsiposta alla crisi finanziaria del 2008, per liberarsi dalle banche e dagli stati.Ma i rari scritti di Satoshi Nakamoto, che risalgono all’origine della criptovaluta, non supportano questa teoria.

Vengono discusse le falle del sistema bancario tradizionale, compresso il vincolo di ricorrere alle istituzioni finanziarie come intermediari per garantire le operazioni.

Bitcoin può funzionare anche senza il suo creatore originale, infatti lui non è attivo nel progetto dal 2012.

Satoshi Nakamoto viene quindi ad offrire un sistema di scambio di valore alternativo. È il primo ad aver trovato una soluzione che combinasse sicurezza e decentralizzazione, ovvero un sistema che funziona interamente senza intermediari o enti di gestione centrale.

2008 création du bitcoin

3. Un po’ di storia su Bitcoin

Bitcoin è nato per la prima volta tramite un documento rilasciato il 31 ottobre 2008, che spiegava il concetto. Questo documento, chiamato “White Paper”, è intitolato: “Bitcoin: A Peer to-Peer Electronic Cash System” (Bitcoin: un sistema di cassa elettronico peer-to-peer). Inizia con l’offerta di una valuta digitale.

La blockchain di Bitcoin è entrata in servizio il 3 gennaio 2009. All’inizio, solo pochi informatici appassionati si erano interessati a lei, ma rapidamente sono state create delle piattaforme di scambio, che consentivano di scambiare bitcoin con dollari, e quindi di fissare un prezzo in base alla domanda e all’offerta.

Il 12 ottobre 2009, 5.050 bitcoin sono stati scambiati per 5,02, dollari, ovvero circa 0,001 dollaro per unità, segnando così l’inizio dell’uso delle criptovalute come mezzo di investimento.

Meno di due anni dopo, il 9 febbraio 2011, Bitcoin ha raggiunto la parità: 1 bitcoin = 1 dollaro.

4. L’inizio di Bitcoin: un metodo di pagamento rapido

Bitcoin è il primo metodo di pagamento internazionale originario di Internet. Ciò consente a chiunque abbia accesso a Internet di poter utilizzare Bitcoin senza limitazioni. Le transazioni sono veloci e impiegano al massimo dieci minuti per raggiungere la loro destinazione, anche se il destinatario si trova dall’altra parte del mondo. Un sistema più efficiente dei bonifici bancari che possono richiedere diversi giorni, soprattutto se i fondi vengono trasferiti a livello internazionale.

La rete Bitcoin è anche economica: è possibile trasferire l’equivalente di milioni di euro in Bitcoin con una commissione di pochi euro.
A causa dei movimenti del suo valore, il asset rimane poco utilizzato come mezzo di pagamento per acquistare beni o servizi, ma è visto più come uno strumento di investimento, anche come una riserva di valore, ma esploreremo questo problema in dettaglio più avanti.

5. La rarezza e la divisibilità di Bitcoin

Perchè tutto sia chiaro, bisogna distinguere tra il protocollo Bitcoin – che è la rete su cui sono archiviate tutte le transazioni o le informazioni – e i bitcoin, che sono l’unità di valore che viene scambiata e il cui valore è fissato dall’ offerta e dalla domanda.

Un numero: 21 milioni.

Una delle caratteristiche fondamentali di Bitcoin è che la sua creazione di denaro è prevedibile. 21 milioni: questo è il numero totale di bitcoin che saranno disponibili sul mercato, determinato dal protocollo di loro creazione. Questo limite gli conferisce una rarità intrinseca e spesso vengono paragonati con i metalli preziosi, tanto che Bitcoin viene anche definito “oro digitale”.

21 milioni di unità per 7 miliardi di persone potrebbero non sembrare sufficienti se Bitcoin vuole affermarsi come mezzo di scambio per tutti da utilizzare quotidianamente, ma è un problema falso.

Le unità Bitcoin sono attualmente divisibili fino a otto cifre decimali e si può andare anche oltre se necessario. In onore del suo creatore, l’unità più piccola del sistema è chiamata satoshi.

Un bitcoin equivale quindi a 100.000.000 di satoshi, ed è possibile acquistare o scambiare un millesimo o addirittura un milionesimo di bitcoin.

Le bitcoin est rare

6. Come viene fissato il valore di Bitcoin?

Il valore di Bitcoin è fissato, come le materie prime oi metalli preziosi, solo attraverso la domanda e l’offerta. Ci sono mercati su cui ogni giorno vengono effettuate un gran numero di transazioni, che consentono di fissare un valore. In generale, il valore viene influenzato quotidianamente da una miriade di fattori: notizie, il contesto economico globale o le dinamiche del mercato interno.

7. Comprensione della creazione di denaro Bitcoin

La création monétaire de bitcoin

Per arrivare al numero di 21 milioni di Bitcoin a termine, viene creata una quantità di bitcoin in media ogni dieci minuti e poi aggiunta all’offerta totale del asset. Fondamentalmente, questi fondi vengono utilizzati per pagare coloro che gestiscono la rete, i cosiddetti minatori. Questi bitcoin possono poi finire sul mercato.

Il 3 gennaio 2009, giorno del lancio della rete Bitcoin, i minatori hanno generato 50 bitcoin in media ogni dieci minuti. Il programma prevede che la ricompensa dei minatori attraverso la creazione di denaro sia dimezzata ogni quattro anni. La divisione più recente, detta anche “halving”, è avvenuta l’11 maggio 2020. Si è poi passati da 12,5 a 6,25 bitcoin creati ogni dieci minuti. La prossima divisione avverrà nel 2024. Seguendo questo schema, entro il 2140 saranno in circolazione un massimo di 21 milioni di bitcoin.
Attualmente sono in circolazione quasi 19 milioni di unità, ma in pochi anni saremo già arrivati ​​a 20 milioni. A titolo di confronto, ci sono in circolazione 15 miliardi di banconote in euro.

8. Comprensione del concetto di mining di Bitcoin

Le persone chiamate minatori sono volontari che usano i loro computer per convalidare le transazioni e proteggere la rete Bitcoin. Attraverso questa azione, nota come ‘proof of work’, sono l’origine della creazione del denaro digitale: l’obiettivo è risolvere un’equazione matematica, e il primo computer che la risolve riceve una ricompensa in bitcoin.

È per questo motivo che a volte viene fatto il paragone con l’oro: i minatori “scoprono” un nuovo blocco della blockchain di Bitcoin ogni volta che viene risolta un’equazione. Come il cercatore d’oro che ha lavorato duramente in una miniera, il minatore di bitcoin lo riceve come ricompensa per aver impiegato potenza di calcolo e mantenere la rete in funzione. La differenza con Bitcoin, tutto è digitale e il numero totale di unità è determinato in anticipo.

I minatori sono inoltre remunerati con commissioni di transazione, il cui importo varia a seconda dell’utilizzo della rete, può andare da pochi centesimi a diverse decine di euro.

Le concept de minage du Bitcoin

Ad oggi, il mining di Bitcoin si è industrializzato. Si parla anche di “mining farm”: fanno riferimento ad un luogo, solitamente di ampia superficie, in cui sono raggruppati migliaia di computer adibiti ad attività di mining. Spesso sono le aziende a possedere questi allevamenti perché è un’attività che richiede grandi investimenti: per essere competitivi servono molte attrezzature. Un’apparecchiatura che consuma molta energia ed emette calore, che richiede l’aria condizionata.

Alcuni paesi in tutto il mondo sono favoriti per questa attività a causa dei loro inverni freddi e del basso costo dell’elettricità. Il mining rimane un argomento tecnico, ne parleremo più dettagliatamente in questo articolo.

9. Bitcoin, opportunità di investimento
e riserva di valore?

Senza dubbio hai già sentito parlare del Bitcoin paragonato all’oro digitale. Diverse caratteristiche confermano questa osservazione: proprio come l’oro, i bitcoin sono in offerta limitata, il che introduce una nozione di scarsità ed è probabile che aumenti il ​​valore del asset. Altro elemento di confronto con l’oro, Bitcoin si libera dalla creazione monetaria degli stati. In questi tempi di incertezza economica, questa caratteristica può conferire a Bitcoin lo status di riserva di valore, nel senso che le valute di governo potrebbero deprezzarsi con il fenomeno dell’inflazione.

Ma attenzione, se acquistare bitcoin a scopo di investimento può essere una scelta saggia, non bisogna ignorare la sua elevata volatilità: il suo valore può salire o scendere bruscamente in pochi giorni. Non soggetto ad alcuna regolamentazione, Bitcoin è regolarmente un teatro di speculazioni.

L’osservazione dei cambiamenti dei valori sui mercati mostra che gli aumenti fenomenali e le forte discese si susseguono. Alla fine del 2017, il valore del Bitcoin è passato da 8.500 euro a oltre 16.000 euro, ma è poi sceso di quasi l’80% nel corso del 2018 per tornare sotto i 3.000 euro. A marzo 2021 il valore ha raggiunto i 50.000 euro!

Per saperne di più.

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Vuoi entrare nel business delle criptovalute?